3 Dicembre 2015

 

 

ricorre la "Giornata Internazionale delle persone con disabilità" (IDPD), appuntamento annuale celebrato dall'ONU sin dal 1992 con il fine di promuovere la consapevolezza e mobilitare il supporto sui temi relativi all'inclusione delle persone con disabilità, e favorire una società accessibile e inclusiva per tutti.

 

Il tema della mobilitazione internazionale quest'anno è "Questioni di inclusione: accessibilità ed empowerment per le persone con tutte le abilità", teso ad accrescere l'attenzione e la consapevolezza sulle "molteplici barriere all'inclusione che le persone con disabilità incontrano in molti aspetti-chiave della società"; i sotto-temi dell' IDPD 2015 saranno: - rendere le città inclusive ed accessibili per tutti; - incrementare la raccolta dei dati e delle statistiche sulle disabilità; - l'inclusione delle persone con disabilità invisibili, dalle disabilità psico-sociali al disagio mentale.

 

Condividiamo la scelta dell'ONU di porre l'accento con questa iniziativa sull'abilità e non sulla sola disabilità di un individuo, spesso fonte di quello stigma e discriminazioni da cui traggono origine le barriere culturali all'inclusione, ma anche sulla promozione dell' empowerment, inteso come rinforzo delle capacità delle persone e come supporto al raggiungimento dei loro propri obiettivi.

 

In questo senso guardiamo con fiducia e condividiamo gli obiettivi della Giornata Internazionale delle persone con disabilità, in quanto tentativo di suscitare e di promuovere, attraverso eventi e manifestazioni, una riflessione più profonda ed una presa di coscienza maggiore da parte della collettività circa le difficoltà incontrate dalle persone con disabilità, procedendo verso il superamento di ogni tipo di barriera per giungere ad una efficace inclusione sociale.